In fase di allestimento...

Cecilia Ceramiche presenta la Collezione "Impressioni": pezzi unici dalla forte valenza scultorea caratterizzati dall'impressione sulla creta di frammenti di poesie alternati a textures multiformi.

Cecilia Ceramics presents the Collection "Impressions": unique pieces with a strong sculptural value, characterized by the impression on the clay of poems' extracts alternated with multiform textures.

Anno di produzione: 2011
"...Voglio star con te  ma questi fantasmi ancora in noi  sono più vecchi di ogni età  e hanno poca fantasia  ingabbiano senza logica  e tu mia piccola virtù  tocchi il più alto punto in me  tanto che non torni più  tanto che resterai quassù  buongiorno bell'anima buongiorno bell'anima" (...) Biagio Antonacci Buongiorno Bell'anima Dall'Album "Inaspettata" 2010

Anno di produzione: 2011
Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio o freccia di garofani che propagano il fuoco: t'amo come si amano certe cose oscure, segretamente, tra l'ombra e l'anima. T'amo come la pianta che non fiorisce e reca dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori; grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo il concentrato aroma che ascese dalla terra. T'amo senza sapere come, né quando, né da dove, t'amo direttamente senza problemi né orgoglio: così ti amo perché non so amare altrimenti che così, in questo modo in cui non sono e non sei, così vicino che la tua mano sul mio petto è mia, così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno. Pablo Neruda Cento sonetti d'amore Sonetto XVII 1960

Anno di produzione: 2011
Vivamus, mea Lesbia, atque amemus Rumoresque senum severiorum omnes unius aestimemus assis! Soles occidire et redire possunt: nobis cum semel occidit brevis lux, nox est perpetua una dormienda. Da mi basia mille, deinde centum, dein mille altera, dein secunda centum, deinde usque altera mille, deinde centum. Dein, cum milia multa fecerimus, conturbabimus illa, ne sciamus, aut ne quis malus invid?re possit, cum tantum sciat esse basiorum. Catullo Libro 1, Carme 5

Anno di produzione: 2011
Eurinome l'ancella del talamo, una fiaccola In mano tenendo, ai due fece guida Mentre andavano a letto; ed essi felici rinnovarono l'uso dell'antico giaciglio. Quando furono i due placati d' amore A lungo bramato,godettero a dirsi l'un l'altro racconti. Ed ella godeva ascoltando,  né il sonno le cadde su gli occhi finchè tutto non ebbe narrato. Omero Odissea- Libro 23° versi 295-300

Anno di produzione : 2012
"O frati," dissi "che per cento milia perigli siete giunti a l'Occidente, a questa tanto picciola vigilia d'i nostri sensi ch'è del rimanente non vogliate negar l'esperïenza, di retro al sol, del mondo sanza gente. Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza". Dante Alighieri La Divina Commedia Canto XXVI - vv. 112-120

Anno di produzione: 2012
Io sono folle, folle, folle d'amore per te .  io gemo di tenerezza perchè sono folle, folle, folle  perchè ti ho perduto . Stamane il mattino era cosi caldo  che a me dettava quasi confusione  ma io era malata di tormento  ero malata di tua perdizione. Alda Merini, "Folle, folle, folle di Amore per te" da " Vuoto a perdere" 1991

Anno di produzione: 2011
Quanto t'ho Amato e quanto t'amo non lo sai,  e non lo sai perchè non te l'ho detto mai.  Anche se resto in silenzio, tu lo capisci da te.  Quanto t'ho Amato e quanto t'amo non lo sai:  non l'ho mai detto, e non te lo dirò mai -  nell'Amor le parole non contano: conta.. la Musica. Roberto Benigni e Vincenzo Cerami Musiche di Nicola Piovani "Quanto ti ho amato"

Anno di produzione: 2011
"Okikiamgenoka, Vrede, Asomdwoe, Salmu, Ittimokla, Paqe, Friede, Selam, Salaam, Patz, Ashkharh, Shanti, Hacana, Here, Bakea, Pardamean, Fridn, Shanti, Nyein Chan Yay, Gunnammwey, Peace, Rahu, Paix, Shalom, Saq, Mir, Aman, Saamaya, Kagiso, Runyaro, Kuthula, Mier, Pís, Pardamean, Mutenden, Asomdwoe, Waki Ijiwebisi, Muka-muka, Erkigsnek, Ashtee, Vakaçegu, Sith, Thayu, Eiphnh, PaghidaetKevsibhaumxeeb, Tai Peng, Shi-Nu-Mu, Sipala, Bekè, Fridur, Udo, Chibanda, Damai, Tutkium, Anusdake, Sióchain, Heiwa, Rukun, Soksang, Amahoro, Hasiti, Mihs, Wolakota, Wowanwa, Mitsumpun, Pax, Keamana, Rongo, Eyewi, Tecócatú, Fred, Nye, Mtendere, Bisaniwewin, Nirudho, Dodolimdag, Amniat, Gumund, Uxolo, Alaafia, Li-k’ei, Khotso, Sióchain, Pakoj, Goom-jigi, Kunammwey, Rauha, Nanomonsetotse, Vakaçegu, Tentram, Fandriampahalamana, Anachemowegan, Kali lintad, Diakatra, Aenomman, Ets’a’an Olal, Perdamiam, Peyahtuke Yimowin, Wôntônkóde, Kupia Kumi Laka, Onpek , Lâf Echnahcaton, Sula, Qasikay, Kiba-kiba, Runyaro, Pace". Pace nelle lingue del mondo

Anno di produzione: 2011
Come ti amo? Lascia che ti annoveri i modi.  Ti amo fino agli estremi di profondità,  di altura e di estensione che l’anima mia  può raggiungere, quando al di là del corporeo  tocco i confini dell’Essere e della Grazia Ideale.  Ti amo entro la sfera delle necessità quotidiane,  alla luce del giorno e al lume di candela.  Ti amo liberamente, come gli uomini che lottano per la Giustizia;  Ti amo con la stessa purezza con cui essi  rifuggono dalla lode;  Ti amo con la passione delle trascorse sofferenze  e quella che fanciulla mettevo nella fede;  Ti amo con quell’amore che credevo aver smarrito  coi miei santi perduti, ti amo col respiro,  i sorrisi, le lacrime dell’intera mia vita! E, se Dio vuole, ancor meglio t’amerò dopo la morte. Elisabeth Barret Browing Come ti amo Da "Sonetti dal Portoghese" - 1850

Anno di produzione: 2012
Il nome greco di Gesù è la traslitterazione dell'aramaico (lingua correntemente parlata in Palestina all'epoca di Gesù) Yešua', che è pertanto il 'vero nome' di Gesù. La forma aramaica deriva a sua volta dall'ebraico Yehošua', che significa letteralmente:"salvezza".

Anno di produzione: 2012
Il nome greco di Gesù è la traslitterazione dell'aramaico (lingua correntemente parlata in Palestina all'epoca di Gesù) Yešua', che è pertanto il 'vero nome' di Gesù. La forma aramaica deriva a sua volta dall'ebraico Yehošua', che significa letteralmente:"salvezza". Il tetragramma biblico o tetragràmmaton è la sequenza delle quattro lettere ebraiche (he, waw, he, yod che compongono il nome proprio del dio:  Yahweh.

Anno di produzione: 2012
...[5]...vorresti...[9] più dolce a vedersi ...[10]...lo sai tu stessa [14-15] ...e infatti ho intenzione di amarti fino a che in me ci sia respiro...[17] affermo di essere stata un’amica fidata...[19]...doloroso...[20] ...amaro ugualmente...[22]... e questo sappi [23]...ciò che ti...[24]...amerò...[26] ...meglio infatti...[27]...frecce... Frammento 88 Saffo

Anno di produzione: 2012
"Ed io così le rispondevo:" Va e sii felice e di me serba memoria: tu sai quanto ti volevamo bene; ma se non ricordi, allora io voglio farti ricordare...tutti i moment...e belli che abbiamo vissuto insieme: (chè) accanto a me tu ponesti (sul tuo capo molte corone) di viole e di rose e di crochi e intorno al collo delicato molte collane conserte fatte di fiori ( incantevoli) e cn unguento floreale...e regale ti profumasti e su morbidi giacigli...delicat-...placavi il desiderio... Frammento 94 Saffo

Anno di produzione: 2012
"È vero, principe, che lei una volta ha detto che la 'bellezza' salverà il mondo? State a sentire, signori," esclamò con voce stentorea, rivolgendosi a tutti, "il principe sostiene che il mondo sarà salvato dalla bellezza! E io sostengo che questi pensieri gioiosi gli vengono in testa perché è innamorato. Signori, il principe è innamorato [...] Ma quale bellezza salverà il mondo?...". da "L'idiota" di Fedor Dostoevskij

Anno di produzione: 2012
Om Mani Padme Hum è il mantra di Cenresig, il Buddha della Compassione e protettore di chi è in imminente pericolo. Si tratta altresì di uno tra i più noti e diffusi dei numerosi mantra del Buddhismo, soprattutto della scuola Mahayana. Le sei sillabe del mantra significano che con la pratica di un sentiero che sia l'unione di metodo e saggezza è possibile trasformare corpo, parola e mente impuri nel corpo, nella parola e nella mente puri di un Buddha. La Buddhità, la natura del Buddha, è all'interno di ciascuno di noi